Top

7 milioni di italiani a casa con l’Influenza: ecco quali sono i sintomi

E’ iniziata ufficialmente la stagione influenzale che secondo le previsioni metterà a letto sette milioni di italiani, due in più dell’anno scorso.

Si preannuncia una stagione “calda” per i virus: secondo gli infettivologi, mentre la scorsa stagione l’influenza è stata relativamente lieve e solo l’ 8% della popolazione ha contratto l’infezione, quest’anno sarà più severa. Secondo gli esperti dell’Amcli – Associazione microbiologi clinici italiani – i due virus (A/Hong Kong e B/Brisbane) hanno subito mutazioni rispetto ai ceppi che circolavano l’anno scorso e l’immunità nei loro confronti è bassa.

I SINTOMI:
TOSSE
MAL DI GOLA
FEBBRE ALTA

I sintomi sono più o meno i soliti: infezioni alla vie respiratorie, con tosse e mal di gola, febbre anche alta, mal di testa e dolori alla articolazioni. Tutte cose che la passata stagione hanno fatto passare in media sei giorni a letto a chi è stato colpito all’influenza. Ma che ogni anno, secondo stime dell’Iss, provocano la morte di ottomila persone, soprattutto anziani, per le complicazioni, come polmonite e broncopolmonite, insorte dopo aver contratto il virus.

“Per questo – invita Tommasa Maio, responsabile area vaccini dell’associazione Medici di famiglia – quest’anno è più che mai necessario vaccinarsi per tempo, soprattutto se si appartiene a una categoria a rischio: ultrasessantacinquenni, diabetici, immunodepressi, cardiopatici, malati oncologici, donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza, solo per citare quelle più numerose”.

Ma non c’é solo il virus influenzale: il fatto di essere vaccinati non esclude che nei mesi freddi si possa incorrere in infezioni respiratorie anche gravi in quanto altri agenti patogeni respiratori (virali e batterici) sono i responsabili di oltre il 30% degli eventi, soprattutto tra i bambini. Per la terapia dei pazienti e ai fini epidemiologici, auspicano i microbiologi, è importante che si arrivi alla precisione diagnostica che viene condotta nei laboratori di Microbiologia clinica.

Share

No Comments

Post a Comment